Sesso e Medioevo: gli scottanti
segreti dell’età buia

Il Medioevo è da sempre considerato un’età buia, caratterizzata dal bigottismo e dalla repressione, conseguenze di una forte religiosità, criticata ampiamente in età  illuministica e moderna. Sembra dunque chiaro, in quest’ottica, che il sesso sia un argomento tabù e che tutte le pratiche sessuali siano considerate non solo immorali ma anche peccaminose e in qualche modo influenzate dal demonio. Ma è davvero così?

L’argomento è recentemente tornato in auge con l’uscita, nel 2012, del libro Sexualités au Moyen Age di Jacques Rossiaud, volume dedicato proprio alla sessualità nel Medioevo, nel quale lo storico francese mette in luce abitudini e credenze sessuali dell’età medievale, smentendo alcuni luoghi comuni e scoprendo curiosità poco note.

Anzitutto, riguardo all’astinenza: niente sesso tra coniugi a Natale, Pasqua, Pentecoste e Assunzione, giorni in cui, comunque, i bordelli rimanevano aperti.

downloadInoltre, lo storico ricorda come fino al XII secolo l’unica posizione consentita fosse quella “tradizionale” del missionario, la più adatta al concepimento; più tardi, vennero sdoganate altre posizioni che, anche se non viste di buon occhio, erano tollerate, tranne quella cosiddetta del cavallo erotico, in cui la donna sta sopra: i teologi la aborrano, i medici la ritengono dannosa per la salute.

La prostituzione, soprendentemente, non è considerata così male: per un uomo è meglio fare visita a una meretrice piuttosto che corrompere la propria sposa o, peggio, trarre piacere dall’autoerotismo. Per questo i bordelli sono aperti tutto l’anno, tranne di Venerdì Santo, e sono frequentati anche da uomini di chiesa, che nel XV secolo costituiscono il 20% degli avventori.

La masturbazione è generalmente condannata e osteggiata con disprezzo per gli uomini mentre, stranamente, è quasi tollerata nel caso delle donne.

Lo storico affronta anche la questione del quante volte sia raccomandato congiungersi secondo la mentalità medievale: stando ad una raccomandazione diffusa, non bisognerebbe superare i due amplessi a settimana.

Quasi sicuramente,s640x480 il sesso era praticato anche dagli ecclesiastici (come si è visto anche prima) e lo Rossiaud ricorda come il vescovo di Hugues propone a una donna il cui marito non la soddisfa che l’uomo sia fatto prete: solo così tornerà ad ardere di desiderio.

Che dire, poi, di tutti quegli atti che non hanno come fine la procreazione? Essi vengono genericamente chiamati “peccati di sodomia”; l’omosessualità, inoltre, inizia ad essere condannata violentemente solo a partire dal XII secolo: a fare da caposcuola fu San Tommaso D’Aquino, che considerava il peccato di sodomia grave quanto il capitalismo.

Ma nonostante tutte queste considerazione, lo storico conclude affermando che il sesso è comunque considerato un atto naturale, “un dono della creazione” e secondo il filosofo de XII secolo Guillaume de Conches «solo gli ipocriti lo ignorano».

immagine-amor-cortese

 

 

 

 

Articoli correlati

Condividi:

Giulia Malighetti

22 anni, laureata a pieni voti in Lettere Classiche alla Statale di Milano, amante della grecità antica e moderna spera, un giorno, di poter coronare il suo sogno e di vivere in terra ellenica.