Erotismo d’altri tempi: i nudi parigini tra le due guerre

Ogni epoca possiede inevitabilmente la sua quota di piaceri e frustrazioni. I due spesso confluiscono e si mescolano insieme. Se guardiamo indietro nel tempo, l’erotismo assume volti sempre diversi ogni decennio che passa.

Tra il 1925 e il 1935 l’erotismo gira tra le vie di Parigi senza nascondersi: dalla Madeleine alla Bastiglia, i bordelli sono tanti in ogni quartiere della città.

È proprio Alexandre Dupoy a ammetterlo. Proprietario della Le Larmes d’Eros e collezionista di antiche fotografie pornografiche, il signor Dupoy colleziona, da anni, una “piccola storia di vecchi modi di vivere” composta da storie, fotografie, sguardi e passioni rimasti su pellicola e di autore quasi sempre sconosciuto, o volutamente anonimo.

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

«Se ogni decennio nasconde segreti diversi, nelle vie di Parigi la prostituzione dal 1920 al 1930 sembra più pacata rispetto ai primi anni venti, in cui erano molte parigine a prostituirsi. Erano anche gli anni in cui gli uomini della classe media si sposano intorno ai 35 anni e quasi tutti da ragazzini avevano uno zio disposto a portarli in un bordello per “fare pratica”. All’epoca una prostituta che lavorava poco guadagnava dieci volte più di un’operaia. Nel 1900 a Parigi un’operaia prendeva 2 franchi al giorno; una donna che si prostituiva in strada prendeva 5 franchi a prestazione. In un bordello, ne prendeva anche 20».
(Alexander Dupoy)

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

La vita di Alexander Dupoy sembra segnata, tutta quanta, da una sorta di “archeologia dei glutei”. Nasce nel 1955 a Lariboisière Hospital, a pochi passi dal Museo Erotica. Cresce nel cuore del quartiere di Barbès nella strada Belhomme, popolare per “le ragazze sul marciapiede” dal decreto del 1946. Cresce raffinato e ossessionato dalle soffitte delle case di periferia, quei luoghi in cui ci sono le immagini impertinenti dei vecchi album di famiglia. Va a cercare i suoi reperti tra le fotografie tramandate e tenute come un tesoro inestimabile.

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

Dal 1974, perlustra i mercati delle pulci in tutta la Francia e frequenta le case d’asta con la ricerca, quasi ossessiva, dell’immagine licenziosa e proibita. «Al momento sollevare questioni sulle vecchie fotografie è privo di senso, di fotografia erotica ancora meno» dice.

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

Eppure Alexander è, da una vita, sulle orme di gloriosi predecessori: foto, dipinti e oggetti sessuali usati ai tempi dei nostri nonni e bisnonni. Nel 1975 le immagini, in una quantità e qualità impressionante, arrivano a lui: viene contattato da un suo collega collezionista che lo informa di un certo Monsieur X, fotografo ormai ottantenne che ha del materiale esclusivo da fargli visionare, a patto di mantenersi anonimo. Le fotografie di Monsieur X sono un concentrato di passioni a cavallo tra le due guerre, direttamente dal bordello di rue Pigalle. Una miriade di foto di ragazze nude, sorridenti e serene, quasi tutte corredate dal nome o soprannome.

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

Così Fanfan, Mado, Suzy, Nenette e tutte le altre ragazze di vita rivivono, quarant’anni dopo quell’incontro, grazie a Alexandre Dupoy che decide di ristampare parte di quella smisurata collezione di nudi che la storia aveva quasi dimenticato. Le foto sono raccolte nel volume Mauvaises filles (La Manufacture de livresè, 2014).

Monsieur X – 1920-1930
Per vedere senza censura, clicca sull’immagine

Le immagini che passano di mano in mano, in tempi diversi, hanno un certo fascino, trattengono in sé un erotismo romantico, carico di quell’aura d’altri tempi, ma anche autentico, come le note della Vie en rose portata al successo dalla voce di Edith Piaf. Senza alcuna nostalgia, senza dibattersi tra il “si stava meglio prima” o “è assolutamente meglio adesso”, il signor Dupoy propone queste migliaia di immagini come testimoni del vortice delle “buone maniere” che investe certe epoche storiche. Un erotismo vissuto e visto dall’occhio di chi ne fa parte, che oggi può suonare strano ma ieri era vita di tutti i giorni.

«The Parisienne is an exceptional creature. She would be utterly inconceivable in a different atmosphere, outside the air of the capital. She is the most perfect creation produced in Paris»

[La “Parisienne” è una creatura eccezionale. Sarebbe del tutto inconcepibile in un ambiente diverso, al di fuori l’aria della capitale. Lei è la creazione più perfetta prodotta a Parigi.]

Pierre La Mazière, Paris-City of Glory (1931)

 

 

Articoli correlati

Condividi:

Fausta Riva nasce in Brianza, il 7 novembre 1990. Da suo nonno prima, e poi da sua madre, la prima impronta alla fotografia. Il suo intento, quello di accostare la visione fotografica a quella geografica, cercando un modo per spiegare il mondo, per capirlo. Fausta Riva nasce sognatrice, esploratrice dell’ordinario. Ama le poesie, ama perdersi e lasciarsi ispirare.