Democratizzare l’arte:
la sfida con i Lego di Sawaya
in una mostra a Milano

the-art-of-the-brick

La “Fabbrica del Vapore” di Milano ospita, fino al prossimo 29 gennaio 2017, la mostra The Art of the Brick, definita dalla Cnn «una delle 10 mostre imperdibili al mondo».

L’autore è l’americano Nathan Sawaya, classe 1973, che nel 2000 ha abbandonato la sua carriera da avvocato a New York per dedicarsi alla creazione di sculture con i Lego. La scelta dell’insolito materiale per la composizione delle sue creazioni non è stata casuale: l’artista è da sempre appassionato ai famosi mattoncini, fin da bambino era in grado di assemblarli in qualsiasi cosa volesse.

Sawaya è così riuscito a tramutare in processo creativo e in arte ciò che normalmente rappresenta solamente un gioco: «Volevo trovare il modo di creare opere che fossero accessibili a tutti. Tutti hanno giocato con i Lego, è un sistema per democratizzare l’arte» racconta l’artista.

The Art of the Brick, in uno spazio di oltre 1600 mq, offre al visitatore la visione di oltre 100 statue realizzate con i Lego, le quali includono numerose rivisitazioni di opere d’arte: da Il pensatore di Rodin alla Ballerina di 14 anni di Degas, dal David di Michelangelo a Il bacio di Klimt.

Al termine della mostra si trova inoltre un’area gioco in cui i visitatori possono dar libero sfogo alla creatività con i Lego messi a disposizione, perché «i sogni si realizzano…un mattoncino alla volta!».

 

DOVE:
Fabbrica del Vapore
via Giulio Procaccini, 4
20154 Milano

COME ARRIVARE:
Tram: 10 – 12 – 14 (Cim.Monumentale/ Via Bramante)
Bus: 155 (Cim.Monumentale/ Via Bramante)
Metropolitana: MM5 (fermate Cenisio o Monumentale) – MM2 Garibaldi
Bike sharing n. 189 (Procaccini-Cimitero Monumentale)

ORARI:
Da lunedì a mercoledì 10.00 – 20.00
Giovedì 10.00 – 23.00
Venerdì 10.00 – 20.00
Sabato 10.00 – 23.00
Domenica 10.00 – 21.00

di Silvia Franco

 

 

Articoli correlati

Condividi:

In redazione: Michele Castelnovo, Ginevra Amadio, Yuri Cascasi, Silvia Ferrari, Dalila Forni, Camilla Volpe.