Nuovo turismo partecipativo
nei parchi turistici culturali

I parchi turistici culturali sono parchi tematici che si generano attorno a un nucleo pregno. Il carattere culturale del nocciolo è declinabile in forme differenti: può respirare nell’ambito della letteratura, dell’arte, della rievocazione storica, della fantascienza, o della scienza propriamente detta. All’epoca del continuamente superato, il parco tematico fiorisce di radici che affondano sul suolo del parco divertimenti. […]

Venezia, faro
sull’arte contemporanea

Il sodalizio Palazzo Grassi/Punta della Dogana da quasi un decennio è il faro di Venezia puntato sul contemporaneo. I due spazi espositivi alloggiano la Collezione Pinault, che da tempo intrattiene prolifici rapporti con gli artisti, e si fregia della possibilità di ospitare opere appositamente concepite per i suoi spazi. Palazzo Grassi vanta la nomea decadente […]

Filippo Minelli:
processi di parole,
processi di silenzi

Filippo Minelli vive sotto i riflettori di bombardamenti incrociati. Sovrastimolato da pulsioni opposte: politica, tecnologia, nuovi media, arte, paesaggi, e mille altre vie dello scibile umano. All’artista, in questa multidimensione multisensoriale, spetta l’arduo compito di cimentarsi con approcci descrittivi dell’essere, che devono essere sempre innovativi, e leggibili, e pregni. Minelli è un equilibrista che ha […]

Società liquida e postmodernità: l’irrisolvibile in Zygmunt Bauman

Il filosofo e sociologo Zygmunt Bauman nasce nel 1925 a Poznan, in una Polonia non ancora invasa dalle truppe tedesche. Dopo la guerra, e dopo un breve periodo nella zona di occupazione sovietica, si trasferisce a Varsavia per studiare sociologia, e inizia a collaborare con diverse riviste specializzate. Spiritualmente accarezza le speculazioni del marxismo-leninismo, poi […]

“Déjà-vu” di Tom McCarthy

Déjà-vu (2007) di Tom McCarthy è lavoro di miniera nelle pareti della realtà. Il protagonista è un uomo qualunque che, in una Londra qualunque, muore e rinasce nuova persona. Colpito in testa da un oggetto non identificato, prodotto da una ditta che lo risarcisce soffocandolo d’oro, perde la memoria delle cose successe e delle cose fatte, […]

Da Viasaterna
volo di ricognizione
sulla nuova fotografia italiana

«2016 – Sulla Nuova Fotografia Italiana non riconosce e promuove una specifica linea di ricerca. Nessuna scuola. Nessun tema ricorrente. Nessuno stile condiviso. Al contrario, identifica nella mancanza di un macroscopico principio comune – in una positiva frammentazione –  la caratteristica distintiva e la ricchezza di uno scenario unico e dinamico». Sulla Nuova Fotografia Italiana è […]