All’asta il Nobel di Quasimodo:
con il ricavato
si istituirà una borsa di studio

TORINO – Sarà messa all’asta il prossimo 2 dicembre la medaglia del Premio Nobel per la Letteratura di Salvatore Quasimodo, insieme ad altri oggetti che ricordano lo storico momento. Il grande poeta siciliano lo aveva vinto nel 1959 “per la poetica liricità con cui ha saputo esprimere le tragiche esperienze umane dei nostri tempi”. Il lotto 401 – questo il numero assegnato per la vendita – sarà costituito dalla medaglia d’oro con il busto di Alfred Nobel, dal diploma, da due fogli manoscritti, dalla fotografia scattata da Anna Riwkin e da un dvd con il video della cerimonia.

Non è la prima volta che un premio Nobel viene venduto, ma è il primo caso in Italia. La decisione è stata presa dalla famiglia di Quasimodo, che desidera mettere a frutto il ricavato della vendita per istituire una borsa di studio. Essa sarà destinata a finanziare gli studi del più meritevole studente dell’Istituto Tecnico “A.M. Jaci”, frequentato proprio da Quasimodo, presso l’Università degli Studi di Milano. L’obiettivo è, idealmente, quello di promuovere il percorso di un “giovane Quasimodo” proprio grazie all’eredità del poeta che, purtroppo, non poté mai portare a termine gli studi.

Premio Nobel

 

S.F.

 

 

 

 

Condividi: